Arabba (Rèba in ladino) è una frazione del comune di Livinallongo del Col di Lana ai piedi del Passo Pordoi.

TURISMO

Benvenuto ad Arabba!

È una delle località turistiche più rinomate della zona dolomitica e dell’arco alpino e ora ti spieghiamo perché.

In inverno è inserita in uno dei comprensori sciistici più grandi del mondo, il Dolomiti Superski, e in particolare nella sezione detta Sellaronda, un percorso che con oltre 400 km di piste collega le località poste attorno al massiccio del Sella. Moderni impianti a fune, tra cui due di tipologia Funifor e Funitel, trasportano gli sciatori dal paese alle piste, collegate anche con il comprensorio della Marmolada. Devi scoprire Arabba, fidati!

In estate la località è molto frequentata da escursionisti e motociclisti per le straordinarie panoramiche naturali e la vicinanza con i passi Pordoi, Campolongo e Falzarego. Numerosissimi i sentieri che si sviluppano nei dintorni, tra boschi, prati e pascoli.

GEOGRAFIA

Vuoi sapere dove si trova Arabba?

Arabba sorge sul tratto iniziale del Cordevole, a pochi chilometri dal passo Pordoi e dal passo di Campolongo, che la mettono in comunicazione rispettivamente con il Trentino (Canazei) e con l’Alto Adige (Corvara in Badia). È sovrastata ad ovest dal gruppo del Sella. Vi ha sede anche una stazione meteorologica.

STORIA

Del passato più antico di Arabba si sa poco o niente (le prime notizie riguardano la chiesa, della metà del Seicento), a parte alcune leggende che ricordano un evento catastrofico (una pestilenza o un’alluvione) che ne decimò la popolazione. C’è evidentemente un fondo di verità: il toponimo stesso, Rèba in ladino, deriverebbe da roiba, cioè “frana”, o da rebia, ossia “valanga” o “torrente che straripa”. Esiste pure una località ai piedi del Col Burz chiamata Chiesa Vecchia, forse perché qui sorgeva l’antico insediamento.